Home
  1. Bitcoin e...
  2. I Millennials preferiscono i bitcoin al conto corrente bancario: sondaggio

I Millennials preferiscono i bitcoin al conto corrente bancario: sondaggio

Proprio così, i millennials preferiscono i bitcoin al conto corrente bancario. Saranno loro a mandare in soffitta la banca tradizionale.

   

Foto: pixabay.com.

Forse se uno degli anni '80 (come me) dello scorso secolo dicesse a un millennials: 'Ma tu ce l'hai un conto corrente bancario?' Quello mi guarderebbe con aria stupita, poi si farebbe una risata e infine mi risponderebbe: 'Sei vecchio!'

Sì, perché secondo una indagine della Blockchain Capital, l'80% dei millennials su 2.000 intervistati si troverebbero più a loro agio a installare un portafoglio bitcoin che ad aprire un conto corrente bancario. Ritengono che sia molto più profittevole avere criptovalute nello smartphone, che la app fornita dalla banca 'X' per gestire il conto corrente "ovunque tu vuoi". E come dargli torto! Con un bitcoin a quasi 11.000 USD, un dash che, superando ogni aspettativa credibile, vale 768 USD — tra l'altro è stato da poco aperto un faucet interessante: MoonDash. E poi ethereum e il litecoin! a 100 USD.

Perché un millennial dovrebbe aprirsi un conto corrente?

Perché un millennial dovrebbe aprirsi un conto corrente, se ci sono siti web dedicati ai bitcoin che ti offrono il 4,08% di interessi annuali? Perché dovrebbe cedere all'offerta di 100 euro di buono da spendere su un marketplace, quando il bitcoin ha guadagnato 1.000 USD di valore al mese?

I millennials preferiscono i bitcoin: il sondaggio

Davanti alla domanda: 'Preferiresti 1.000 USD in dollari, in bitcoin o in altro?'

  • Il 27% dei millennials preferiscono i bitcoin.
  • il 30% sceglie bitcoin invece di un titolo di stato.
  • Il 22% preferisce bitcoin rispetto a un immobile (come dargli torto!).
  • Il 19% sceglie bitcoin e non l'oro.

Il 42% dei giovanissimi intervistati è poi familiare con i bitcoin, contro il 19% degli over 65. E il 48% crede che bitcoin sia una innovazione fintech positiva. Ma la fiducia nelle banche non è crollata, infatti solo il 27% ha più fiducia dei bitcoin che delle banche istituzionali. Allo stesso tempo, il 42% crede che nei prossimi 10 anni molte più persone useranno i bitcoin rispetto a oggi.

Qui tutti i risultati della ricerca sui millennials e i bitcoin.

I millenniasl preferiscono bitcoin e non il conto corrente ma...

I millennials potrebbero anche aprirlo un conto corrente bancario, ma a patto che sia capace di gestire anche le loro criptovalute. Ebbene sì. Lo dice sempre la ricerca.

Pensiero personale. Credo che le banche presto o poi inizieranno a dare calci negli stinchi dei politici di turno, perché si affrettino a trovare regole certe. Così potranno implementare le blockchain delle criptovalute in nuovi conti bancari misti: monete fiat e criptovalute. In Svizzera Swissquote permette ai clienti di comprare bitcoin dalla loro piattaforma online. Non è la stessa cosa, ma è una apertura nei confronti delle cryptocurrencies da parte di una banca 'tradizionale'.

I popoli e i millennials governano il cambiamento!

Non è vero che i popoli non possono governare il cambiamento. Già internet ce lo dimostra da oltre 30 anni. E ora le criptovalute lo stanno confermando.

Grazie Satoshi, chiunque tu sia o chiunque voi siate.


Condividi sui social network con amici e amiche usando la social bar. Contribuisci alla diffusione della Crypto Economy.

 

Articoli Recenti

⟩⟩ Super Bitcoin, Bitcoin God, BCX gratis: guida completa    ⟩⟩ Come aumentare le vendite su Facebook a Natale    ⟩⟩ Millennials preferiscono Bitcoin a conto corrente bancario    ⟩⟩ Estuario Rio delle Amazzoni dal satellite    ⟩⟩ Mediaset Premium programmazione Dicembre 2017: Film e Serie TV