Home
  1. Notizie dallo Spazio
  2. Terra Vista dallo Spazio
  3. Le Zone Umide di Tunisi viste dallo Spazio

Le Zone Umide di Tunisi viste dallo Spazio

Tunisi, capitale della Tunisia, sorge in una delle Zone Umide del pianeta protette dalla Convenzione Ramsar. Il satellite Sentinel-2 l'ha osservata dallo Spazio.

   

Il satellite Sentinel-2 ci porta sopra la capitale della Tunisia per mostrarci le Zone Umide di Tunisi, così come potremmo osservarle dallo Spazio. Nella foto del 15 dicembre 2017 ammiriamo una parte del Golfo di Tunisi, che da 3.000 anni è un crocevia di storia e di umanità.

- Le Zone Umide di Tunisi, la capitale della Tunisia. ESA. -

Quando Tunisi era Cartagine

Il porto di Tunisi è trafficatissimo, ma se oggi è un punto strategico nel Mediterraneo lo si deve ai cartaginesi. Cartagine è solo un quartiere della capitale tunisina nell'epoca contemporanea. Nell'immagine è a nord est rispetto al centro di Tunisi.

Le colline di Tunisi

Tutto intorno la città di Tunisi colline e campi agricoli caratterizzano il paesaggio e fanno da sfondo. Ma la città è stata costruita intorno a un lago, il Lago di Tunisi che è evidente al centro dell'immagine.

Tutta la città è come immersa nelle Zone Umide, oggi aree protette dalla convenzione internazionale Ramsar.

Le Zone Umide di Tunisi dallo Spazio

Le Zone Umide di Tunisi non sono solo una attrazione dallo Spazio e per i turisti che visitano la città. Le cinque aree che abbracciano e si trovano al centro della città influiscono direttamente sulla sua vita.

Il Lago di Tunisi è una laguna salmastra circondata da paludi. Qui nidificano diverse specie di uccelli, come il Grande Fiamingo. In esso si svolge attività di pesca, ma secondo le norme imposte dallo status di area protetta.

Il lago di Sebkhet Sejoumi è ad ovest rispetto al lago di Tunisi. Questo bacino naturale ha la funzione di proteggere la capitale dalle inondazioni. A differenza degli altri laghi e bacini, il Sejoumi trattiene acqua anche durante la stagione estiva, permettendo la sopravvivenza della fauna selvatica nel periodo più siccitoso dell'anno.

I laghi protetti di Ghdir El Golla e Barrage Mornaguia, si trovano a ovest della capitale. Mentre a nord si trova il lago Sebkhet Ariana, che d'estate quasi si prosciuga del tutto come mostra il video ad inizio articolo.

Il progetto GlobWetland Africa dell'ESA

L'ESA collabora con il Segretariato Ramsar attraverso il suo progetto GlobWetland Africa, per usare le informazioni provenienti dai satelliti nella salvaguardia delle aree umide vulnerabili del pianeta.

Quali sono le Zone Umide della città di Tunisi?

Le zone umide della città di Tunisi sono 6, di cui cinque visibili anche nella foto dallo Spazio riportata sopra. Si definiscono anche aree Ramsar, perché rientrano nella Convenzione di Ramsar istituita a protezione delle Zone Umide del pianeta. Il sito web di riferimento è: www.ramsar.org.

  • Lago di Tunisi.
  • Lago di Sebkhet Sejoumi.
  • Lago di Ghdir El Golla.
  • Lago di Barrage Mornaguia.
  • Lago di Sebkhet Ariana.
  • Lago di Sebkhet Soliman.

A questo link tutte le Zone Umide della Tunisia che rientrano nella convenzione Ramsar.

Fonte articolo: https://www.esa.int/spaceinimages/Images/2018/02/Tunis_wetlands.

Crediti: Il video e la foto sono di proprietà dell'ESA sotto licenza CC BY-SA 3.0 IGO.

 

Articoli Recenti

⟩⟩ Transactionale esporta sistema digital marketing in Spagna    ⟩⟩ Exenium ITO. Cosa è e come funziona la ITO XNT    ⟩⟩ Mediaset Premium Anteprima film e serie TV marzo 2018    ⟩⟩ Le 'Tracce delle Navi' viste dallo Spazio. Causano inquinamento?    ⟩⟩ Come imparare a usare i Metadati per ebook con Sonia Lombardo