Preghiere Cristiane
  1. Novene efficacissime
  2. Novena Liturgica del Santo Natale

Novena Liturgica del Santo Natale

Novena Liturgica del Santo Natale di preparazione alla venuta di Gesù, che viene a rinnovare la nostra fede per renderla autentica.

 

Invitatorio

Adoriamo il Messia che sta per venire; egli dominerà sul mondo e porterà pace e giustizia sulla terra.

Ritornello. Venite adoriamo il Re Signore che sta per venire.

  1. Godi, figlia di Sion, esulta, figlia di Gerusalemme: ecco il Signore verrà, e in quel giorno vi sarà gran luce, i monti stilleranno dolcezza, e dai colli scorrerà latte e miele, perché verrà un gran profeta, ed Egli rinnoverà Gerusalemme. Ritornello.
  2. Ecco dalla casa di David verrà il Dio Uomo a sedersi sul trono; vedrete e godrà il vostro cuore. Ritornello.
  3. Ecco verrà il Signore, il nostro Protettore, il Santo d'Israele, portando sul capo la corona regale, e dominerà da un amre all'altro, e dal fiume ai confini estremi della terra. Ritornello.
  4. Ecco apparirà il Signore e non mancherà di parola: se indulgerà attendilo, perché verrà e non potrà tardare. Ritornello.
  5. Il Signore discenderà come pioggia sul vello: in quei giorni spunterà la giustizia e l'abbondanza della pace: tutti i re della terra lo adoreranno e i popoli lo serviranno. Ritornello.
  6. Nascerà per noi un bimbo e sarà chiamato Dio forte: Egli siederà sul trono di Davide suo Padre e sarà un dominatore ed avrà sulle sue spalle la potestà regale. Ritornello.
  7. Betlemme, città del sommo Dio, da te nascerà il dominatore di Israele. La sua nascita risale al principio dei giorni dell'eternità, e sarà glorificato in mezzo a tutta la terra e quando Egli sarà venuto, vi sarà pace sulla nostra terra. Ritornello.
  8. Domani sarà cancellata la colpa della terra e regnerà su noi il Salvatore del mondo. Ritornello.
  9. Il Signore è vicino.
    A.: Venite, adoriamo.

(I numeri 8 e 9 si cantano solo il 24 dicembre).

Polisalmo

Gioiscano i cieli ed esulti la terra * tripudiate di gioia, o monti.

Prorompono in giocondità i monti, * e i colli in giustizia.
Perché verrà il nostro Signore, * e avrà misericordia dei suoi poveri.

Stillate, cieli dall'alto, e piovano il Giusto le nubi; * si apra la terra e germogli il Salvatore.
Ricordati di noi, Signore, * e visitaci con la tua salvezza.

Dimostraci, o Signore, la tua misericordia, * e donaci la tua salvezza.
Manda, o Signore, l'Agnello dominatore della terra, *da Petra nel deserto al monte della figlia di Sion.

Vieni a liberarci, Signore, Dio degli eserciti, * mostraci il tuo volto e saremo salvi.
Vieni, o Signore, a visitarci nella pace * affinché godiamo al tuo cospetto con cuore sincero.

Affinché conosciamo, o Signore, sulla terra la tua via, * in mezzo a tutte le genti la tua salvezza.
Ridesta, Signore, la tua potenza, * e vieni in nostra salvezza.

Vieni, Signore, e non tardare, * perdona i delitti del tuo popolo.
Oh! volessi tu squarciare i cieli e discendere. * Davanti a te i monti si scioglierebbero.

— Vieni e mostraci il tuo volto, o Signore * Tu che siedi al di sopra dei Cherubini.
Gloria al Padre e al Figlio * e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, ora, e sempre * nei secoli dei secoli. Amen.

Breve lettura biblica

Brani indicativi.

16 dicembre: Gen 3,1-15; Rom 1,18-26.

17 dicembre: Gen 3,14-20; Rom 5,12-21.

18 dicembre: Gen 17,15-23; Rom 4,13-23.

19 dicembre: Deut 15,13-20; Atti 3,18-26.

20 dicembre: Isaia 28,14-20; Rom 10,5-11.

21 dicembre: 1 Sam 2,1-10; Lc 1,26-39.

22 dicembre: Deut 7,6-21; Ef 2,12-22.

23 dicembre: Isaia 7,10-16; Mt 1,18-25.

24 dicembre: Michea 5,1-5; Lc 2,1-8.

Inno

L'eco d'un grido nitido

gli occulti mal rimprovera:

siano fugati gli incubi

Gesù dall'alto sfolgora.

Ecco L'Agnel discendere

a condonare il debito:

unanimi con lacrime,

orsù, chiediamo grazia.

L'almo Autor del secolo

assunse un corpo umile

per liberare gli uomini

facendosi a lor simile.

Nel grembo di una vergine

scende celeste grazia:

cela quel sen virgineo

mistero incomprensibile.

Divien quel sen purissimo

un tempio dell'Altissimo:

Maria, ancor pura ed integra,

il divin Figlio genera.

Al Padre, Dio, sia gloria

e al Figlio suo unigenito

insieme col Paraclito

nei secoli dei secoli. Amen.

C.: Stillate, cieli dall'alto e piovano il Giusto le nubi.

A.: Si apra la terra e germogli il Salvatore.

Antifone al Magnificat

16 dicembre — Ecco verrà il Re, Signore della terra, che toglierà il giogo della nostra schiavitù.

17 dicembre — O Sapienza, che, uscita dalla bocca dell'Altissimo, raggiungi gli estremi confini, e con forza e soavità disponi ogni cosa: vieni ad insegnarci la via della prudenza.

18 dicembre — O Signore e condottiero della casa d'Israele, che apparisti a Mosé nella fiamma del roveto ardente e gli desti una legge sul Sinai: vieni a redimerci con la potenza del tuo braccio.

19 dicembre — O Radice di Jesse posta a segnale dei popoli: innanzi a cui faranno silenzio i re e che le genti invocheranno: vieni a liberarci, non più tardare.

20 dicembre — O chiave di David e scettro della casa d'Israele, che apri e nessuno può chiudere; chiudi e nessuno può aprire: vieni, e libera il prigioniero dal carcere, ove siede nelle tenebre e nell'ombra di morte.

21 dicembre — O Astro che sorgi, splendore ed eterna luce e sole di giustizia: vieni ed illumina chi siede nelle tenebre e nell'ombra di morte.

22 dicembre — O Re dei popoli, a cui essi sospirano; pietra angolare che congiungi due popoli in uno: vieni e salva l'uomo che hai formato dalla terra.

23 dicembre — O Emmanuele nostro Re e legislatore, sospiro delle genti e loro salvatore: vieni a salvarci, Signore Dio nostro.

24 dicembre — Quando sarà sorto il sole nel cielo, vedrete il Re dei re, che procede dal Padre, come sposo che sorge dal suo riposo.

Magnificat

L'anima mia magnifica il Signore * e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà della sua serva. * D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente * e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia * si stende su quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio, * ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore:

ha rovesciato i potenti dai troni, * ha innalzato gli umili;
Ha ricolmato di beni gli affamati, * ha rimandato i ricchi a mani vuote.

ha soccorso Israele, suo servo * ricordandosi della sua misericordia.
Come aveva promesso ai nostri padri, * ad Abramo e alla sua discendenza per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio * e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora, e sempre * nei secoli dei secoli.

Amen.

(Si ripete l'antifona).

C.: Il Signore sia con voi.

A.: E con il tuo spirito.

Preghiamo

Affrettati, o Signore, non tardare, e impiega per noi l'aiuto della tua grazia celeste, affinché quelli che confidano nella tua pietà vengano sollevati dalle consolazioni della tua venuta. Tu che sei Dio e vivi e regni con Dio Padre, nell'unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Lascia la tua preghiera o richiesta di intercessione nei commenti qui sotto.