I finalisti di Sanremo nella categoria giovani (1 parte)

Otto giovani cantanti, otto esperienze di vita diverse e otto modi di raccontare la realtà del mondo musicale e sociale di oggi

  Mail  Google profile     Vai alla 2 parte dell'articolo

Giovani artisti di Sanremo

   Otto i cantanti “nuove proposte” di Sanremo. Vi proponiamo una breve biografia per conoscerli meglio.

Bianca, Emma Fuggetta, è nata a Torino nel 1993. Studia Jazz dall'età di 14 anni presso Provoice e poi Suononuovo. Nel 2012 inizia i suoi primi concerti e partecipa ad alcuni concorsi di canto vincendo il primo premio e il premio della critica. Nel 2013 inizia a lavorare sul suo primo album prodotto da ALMA.

Diodato è un artista affermato di Taranto, che entra nel Sanremo tra i giovani solo perché è la sua prima esperienza. Questo il Curriculum: Inizia a suonare da bambino. Nel 2001 collabora a realizzare un brano per “Beirut Cafè 2” a Stoccolma, compilation venduta in tutto il mondo. Realizza la canzone “Libiri” con S. Ingrosso e S. Angello i DJ di Swedish House Mafia. Si laurea al DAMS di Roma in Cinema. Nel 2010 incide il singolo “Ancora un brivido” ascoltato su alcune emittenti radio. Nel 2011 il produttore Daniele Tortora gli propone di lavorare a un disco. Nell'aprile 2013 esce “E forse sono pazzo”, ottenendo recensioni positive su riviste specializzate e varie esibizioni live su Radio 2, Radio 1 e Radio 3, ecc.
Il 1 maggio 2013 si esibisce al concerto di Taranto con Fiorella Mannoia, Luca Barbarossa e altri artisti. Durante l'estate Daniele Silvestri gli affida l'apertura del suo concerto a Roma. Ha vinto il Medimex 2013 come migliore artista dell'anno.

Filippo Graziani è il figlio di Ivan. Strimpella inizialmente la chitarra e verso i 19 anni inizia la sua carriera in giro per i tour dei maggiori artisti italiani grazie al fratello maggiore Tommy, musicista di professione.
Nel 2008 fonda il gruppo Stoner-rock Carnera e pubblicano l'EP “First round” che ottiene un discreto successo. Si trasferisce a New York, dove suona presso i club del Lower east side, fino a diventare head liner nel locale Arlene's grocery, fiocina di artisti come Jeff Buckley e Strokes.
Rientrato in Italia lavora a “Viaggi e intemperie”, un omaggio al padre Ivan. Nel novembre 2009 inizia un tour a cui fa seguito un album live nel 2011 che lo porta tra i finalisti per la targa Tenco.
Di recente ha curato la direzione artistica dell'album “Tributo a Ivan Graziani”, 14 cover rivisitate da altrettanti artisti italiani.

Rocco Hunt, la giovane promessa del Rap mondiale, nasce nelle case popolari della Zona Orientale di Salerno (e proprio vero che il meglio nasce da ciò che è considerato niente) nel 1994. Da autodidatta qual è riesce a fondere con grande maturità elementi della cultura della strada con fatti ed elementi della cultura nazionale, l'idioma napoletano con la lingua italiana. Nel 2010 la sua prima auto produzione è “Music' è speranz” (La musica è speranza). Nel 2011 pubblica il primo street album “Spiraglio di Periferia”, interamente auto prodotto. Un successo su Youtube con i singoli “Nun c' sta paragon” e “O' mare 'e o' sole” cantati col rapper napoletano Clementino.
Inizia il suo tuor italiano duettando con Marracash, Co'Sang, Ensi e altri. Nel 2013 esce “Poeta urbano”, un album prodotto da Sony Music: un disco maturo, un disco di responsabilità, un disco legato alle origini della propria terra. Continua...



Articoli Recenti

⟩⟩ Il ritorno di Zcash sulla cloud mining HashFlare    ⟩⟩ Biorepair dentifricio notte senza fluoro. Io l'ho comprato e...    ⟩⟩ Le nuove regole della scrittura di Ann Handley. Io l'ho letto    ⟩⟩ Premium cinema anteprima e serie TV di ottobre 2017    ⟩⟩ Il Grand Finale della sonda Cassini Saturno in diretta streaming